Tutor online qualificati

Il blog del gruppo Tutor Online Qualificati

Archive for febbraio 2009

Parola d’ordine: disconnettersi. Alberoni e il proibizionismo della rete.

Posted by romaguido su 24 febbraio 2009

In questa sede abbiamo più volte parlato dei pericoli della rete per le nuove generazioni, delle conseguenze fisiche e psichiche di un uso eccessivo di internet, ma ora sembra che si stia cadendo nel catastrofismo più sfrenato.   Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Posted in Facebook, Nuove Tecnologie, Psicologia & Salute, Riflessioni, Società | Contrassegnato da tag: , , , , | 17 Comments »

“Rete, sicurezza e privacy: Europa avanti, Italia al palo”

Posted by romaguido su 23 febbraio 2009

Eccovi un altro interessante articolo di Cirdan il Timoniere

Posted in Il Web sociale, Nuove Tecnologie, Riflessioni, sicurezza, Società | 1 Comment »

La nuova scuola delle due “I”

Posted by romaguido su 23 febbraio 2009

Mentre scorrono a fiumi le discussioni sui giovani e la rete, sulla  efficacia di una didattica che parli lo stesso linguaggio dei nostri ragazzi, sulla necessità di “informatizzare” docenti e insegnamento, in alcune scuole, a causa di problemi burocratici, viene meno la consegna delle LIM, mentre il monte  si ridimensiona a spese delle TIC.

Da repubblica.it un articolo che la dice lunga sulla direzione dei tagli nell’istruzione:     Leggi il seguito di questo post »

Posted in Nuove Tecnologie, Riflessioni, Riforme, Scuola e Università, Società | Contrassegnato da tag: , , , , | 8 Comments »

Mugabe, il colera e la democrazia del blog

Posted by Luca su 22 febbraio 2009

Lo Zimbawe è un paese in piena crisi economica, alimentare e di apparato democratico; il paese  retto dal 1980 da Mugabe, una una speranza di vita media di 35 anni, il 25% della popolazione è affetta da HIV/Aids, l’inflazione è a 9 sestilioni, il 94% della popolazione è disoccupata, 7 milioni su 12 sopravvivono grazie agli aiuti alimentari da fuori, mentre 4 milioni sono scappati all’estero. In tutta questa situaziane un oppositore al regime di Mugabe è il rapper bianco Comrade Fatso che grazie al proprio sito internet è riuscito a farsi conoscere anche all’estero. Molto interessante l’intervista che al rapper viene fatta dal giornalista del Corriere della Sera Michele Farina. Il rapper descrive la sua situazione come costantemente osservato dagli uomini del governo, che vengono definiti mosche. “Qui nel locale accanto teniamo dibattiti politici, convegni di poesia tosta. Spesso c’è anche un moscone, uno stretto collaboratore del compagno Mugabe. Una canzone del rapper The House of Hunger, album censurato in Zimbawe, è una denuncia ferma contro chi ha reso lo Zimbawe la casa della fame.

Ecco un valido esempio di come  un sito/blog  possa svolgere una funzione sociale.

Posted in Uncategorized | 3 Comments »

Facebook, Riccardo Uccheddu e gli “Insegnamenti” di Abelardo

Posted by romaguido su 22 febbraio 2009

A riprova che Facebbok non è solo il regno delle chiacchiere insulse, vi riporto una conversazione con Riccardo Uccheddu,  il quale,  mostrandosi interessato al nostro gruppo, mi aveva chiesto quali potessero essere le eventuali analogie tra i nostri metodi d’insegnamento e la didattica medievale, con particolre riferimento a quella di Abelardo.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Facebook, Riflessioni, Scuola e Università, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 12 Comments »

Facebook Italia: non tutto luccica.

Posted by Luca su 22 febbraio 2009

Diverse sono le critiche che vengono mosse a Facebook, per quanto riguarda l’Italia ce ne sono alcune peculiari; un articolo di Vittorio Zambardino su Affari e Finanza del 16 febbraio 2009 ne individua bene alcune:

  • “Facebook non ha una sede o una rappresentanza italiana. Qualsiasi problema va riportato al quartiere generale che è a Dublino, il che rende il tutto più difficile. Se un utente si ritrova all’improvviso senza la propria pagina, che è scomparsa per un disguido tecnico e gliela restituiscono poi ripristinata senza più amici, cioè senza i contatti presi in precedenza, e senza la posta inviata e ricevuta, quello non sa più a chi rivolgersi”.
  • “Abbondano le false pagine di questa o quella celebrità, ma anche delle persone comuni. Pagina di cui il personaggio interessato non sa nulla. O le false pagine aziendali. Ecco, l’azienda X, poniamo vuole chiedere che sia eliminata la pagina col suo marchio che qualche bontempone, o concorrente malintenzionato, ha aperto. Come fa? Deve scrivere al quartiere generale di Dublino”.
  • “Ci sono rischi reputazionali che richiedono all’utente un uso consapevole del mezzo: un tema sui cui è intervenuto anche l’autorità garante per la protezione dei dati personali. Ma il presidente Pizzetti, di invocare la censura del governo, non se lo sogna nemmeno. Ha parlato di cultura e consapevolezza delle persone.

Il governo italiano il 5 febbraio ha approvato un testo in cui si stabilisce che ” il governo su segnalazione della magistratura, potrà chiedere al fornitore di accesso di eliminare quelle pagine dei social networtk dove si integri la fattispecie dell’istigazione a delinquere o dell’apologia di reato”. E’ previsto che si arrivi a oscurare tutto il sito per impedire la continuazione del reato”.

Il professore Derrick de Kerrckhove ha affermato “se vogliono che l’Italia si renda ridicola nel mondo, non hanno che da andare avanti.  Sarebbe stato più saggio sentire cosa avevano fatto gli altri stati, capire come stavano affrontando la stessa questione visto che Facebook è un successo planetario e il problema della libertà di espressione è delicato. Di fronte all’improvviso ingresso di tanta gente nel circuito della comunicazione globale, gente che non è abituata a comunicare, certamente si pone un problema di manners, di educazione civica virtuale. Ma può essere risolto solo con un processo di autoeducazione”.

Posted in Facebook, Il Web sociale | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Quanto vale Facebook?

Posted by Luca su 22 febbraio 2009

In un articolo precedente avevo scritto che gli iscritti italiani a Facebook erano 6 milioni e complessivamente nel mondo erano 160 milioni; oggi leggo che in Italia siamo già a 9 milioni e complessivamente a 180 milioni. Ma quanto vale la creatura di Zuckerberg? Non si sa, o meglio il valore oscilla da 15 miliardi di dollari a 3,7. Sulla valutazione odierna di Facebook incide lo stato di crisi che ormai caratterizza la finanza mondiale; la quotazione di oggi è quasi un quinto cui fu costretta la Microsoft quando nel 2007 acquisto l’1,6% della società. La valutazione odierna risulta dagli atti di un procedimento giudiziario del 2008 in cui la società ha dovuto produrre una valutazione dei propri asset ai fini del concordato. Infine c’è da sottolinare che Facebook non è ancora quotata in borsa e di conseguenza i suoi dati non sono pubblici: si stima comunque che i ricavi pubblicitari del 2008 siano vicini ai 300 milioni di dollari.

Posted in Facebook | Leave a Comment »

A chi serve la formazione?

Posted by Luca su 22 febbraio 2009

Sul Messaggero del 20 febbraio è uscita un’inchiesta sui parenti di professori e rettori assunti negli uffici delle università romane. Si trova di tutto: ” il bibliotecario è il nipote del professore, la segreteria ha avuto il posto dal padre che è andato in pensione, la bidella è la moglie dell’autista del rettore”.

Non a caso l’autore dell’articolo Claudio Marincola parla dell’università come di un “gigantesco albero geneaologico” in cui si ritrovano mogli, ex mogli, figli, nipoti, in pratica di tutto. E’ vero noi italiani abbiamo ancora il mito della grande famiglia.

Nell’articolo scopro poi strani meccanismi per favorire l’entrare dei parenti in università. Vediamone qualcuno:

  • Posto unico. “Si entra tramite un concorso pubblico aperto agli esterni, con tanto di bando. Ed ecco la prima anomalia: nella stragande maggioranza dei casi il concorso è per un solo posto. In questo modo si ottengono più risultati: si scoraggiano eventuali concorrenti indesiderati; si limitano eventuali ricorsi e si rispettano le esigenze di bilancio. Del resto perchè studiare, sudare, impegnarsi per un concorso in cui si ha una-dicasi-una sola chance di vittoria?”
  • Sorpresa libera tutti. La sorpresa arriva dopo. Quando superata la prova, individuato l’unico vincitore, arriva la delibera che implementa gli organici. E poichè si vanno a occupare posti che nel frattempo si sono resi vacanti, non serve neanche il nulla osta del Cda, basta la firma del direttore amministrativo e le assunzioni si allargano e gli idonei diventano 10, 20, 30 a seconda dei casi.
  • L’autore dell’articolo riporta poi come esempio l’ateneo di Foggia dove l’aumento dei professori è stato del 361,9% a fronte di un aumento degli studenti del 17,6%.
  • Certo ora dopo parentopoli non è detto che il figlio del professore universitario voglia diventare a tutti i costi docente, si può accontentare di un posto per diplamati livello C1 come si indica accaduto all’Università Roma 3 dove gli studenti hanno denunciato diversi casi a “Dillo al Messaggero”.

Tempo fa avevo segnalato il libro di Roberto Perotti “L’Università truccata”, l’autore è andato a quantificare i casi di omonimia tra i docenti delle facoltà di Medicina: il 30% alla Sapienza e alla Cattolica, e il 38% a Messina, ma ora si vede che la parentopoli si accontenta di posti di medio livello ma meno esposti e di meno visibilità: alla parentopoli accademica si deve quindi sommare la “la complanare parentopoli amministrativa“.

Nell’articolo precedente parlavo di mito della life long learning; mi sono sbagliato la formazione a qualcuno serve ma devi essere “un parente”.

Posted in Riflessioni, Scuola e Università | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il mito della life long learning

Posted by Luca su 21 febbraio 2009

Anche se non credo più tanto al mito della formazione permanente e della formazione come via per conseguire lavori sempre più qualificanti e professionali vi consiglio di leggere il presente articolo:

Le conoscenze vengono superate con grande facilità. Ciò accade in qualsiasi settore lavorativo. E’ quindi necessario l’aggiornamento professionale in tutto il corso della vita. E’ stato calcolato che metà delle conoscenze scolastiche invecchiano nel giro di 20 anni, quelle universitarie nel giro di dieci, le conoscenze specialistiche e professionali nel giro di cinque, mentre quelle tecnologiche e informatiche addirittura nel giro di uno o due anni. Secondo Unioncamere a causa dei continui mutamenti che interessano il mondo del lavoro assume crescente importanza la formazione permanente. In futuro la vita lavorativa sarà ripetutamente interrotta da fasi di perfezionamento e di riaddestramento, dicono gli esperti. Anche perchè il lavoro all’interno delle aziende viene sempre più spesso organizzato per progetti. Perciò l’abitudine al lavoro di gruppo, la flessibilità, la capacità di lavorare in team e lo spirito di iniziativa dei collaboratori risultano caratteristiche oltremodo importanti. Inoltre i dipendenti avvertono sempre più forte l’esigenza di orari e modelli di lavoro flessibili, per poter conciliare al meglio le esigenze familiari con gli obblighi professionali. Il numero dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato è in flessione, mentre aumentano quelli atipici. Il lavoro a tempo parziale, ma anche il lavoro interinale ed il lavoro a domicilio, trovano sempre maggiore diffusione. Accanto al lavoro subordinato, vi è anche la possibilità di affrontare il mercato del lavoro mettendosi in proprio. Un indubbio vantaggio è quello di essere indipendenti e di poter realizzare le proprie idee. D’altra parte non va trascurato il fatto che ci vuole coraggio per assumersi dei rischi e che, almeno temporaneamente, bisogna essere in grado di sopporate notevoli carichi di lavoro. Ci vuole una valutazione particolarmente accurata per stabilire se si hanno i numeri per diventare imprenditore.

Dal momento che in futuro si rimarrà nel mondo del lavoro più a lungo e che le conoscenze sono destinate a diventare presto obsolete, si presenterà l’esigenza della formazione permanente. L’agenda di Lisbona, in base alla quale l’Europa dovrà divenire l’area economica e di ricerca più dinamica al mondo, prevede di portare al 12,5% i partecipanti ad attività di formazione entro il 2010. Attualmente la quota di adulti (25-64 anni) che nell’Unione Europea si avvale di provvedimenti formativi tocca a malappena il 10%. E’ facile supporre che in futuro le persone si troveranno a cambiare frequentemente professione nel corso della loro vita. Ogni cambiamento, ma anche l’esercizio di una stessa professione, richiede a tutti i lavoratori un apprendimento continuo in una prospettiva di formazione che guarda all’arco di tutta la vita. Cio non comporta solo un costante aggiornamento per meglio rispondere alle aspettative aziendali del momento, ma accresce anche la competitività dell’azienda. Quali sono gli impieghi o i settori che offrono prospettive? Nella situazione di attuale congiuntura è difficile dirlo. Però si può far riferimento alle professioni più richieste nelle offerte di impiegoe ai posti vacanti all’ufficio di collocamento. Le aziende stesse non se la sentono di elaborare i profili professionali del futuro. Un aspetto positivo viene dal fatto che la società sta vivendo un’altra trasformazione, quella verso il lavoro creativo. Per creative work si intende una cultura del lavoro contrassegnata da responsabilità propria, adattabilità e creatività.  Il khowledge worker sa che nell’arco della propria vita lavorerà per varie aziende e cerca pertanto di rimanere sempre concorrenziale. Attribuisce grande importanza alla formazione e al perfezionamento per essere pronto a lavorare in altre aziende e settori affini. Il lavoratore creativo lavora in forma autonoma, come dipendente o a progetto. Il centro dell’attenzione è rappresentanto dalla propria persona- con coinvolgimento dell’intera sua rete di rapporti sociali. E’ spinto dal piacere nel lavoro, dall’autorealizzazione e dal senso del suo operato. Per lui il lavoro è sinonimo di crescita individuale e rappresenta la strada verso l’ulteriore sviluppo. Quanto ai servizi si registra un sorprendente aumento degli operatori impegnati nelle attività di consulenza in ambito aziendale, fiscale, patrimoniale, sanitario, familiare  e ambientale. L’aumento di questi servizi di consulenza dipende in parte anche dal mondo dell’economia che, per la sua crescente complessità, spinge le aziende a rivolgersi sempre più frequentemente a consulenti”.

Posted in Progetti, Psicologia & Salute, Riflessioni, Scuola e Università | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Life-coach

Posted by Luca su 21 febbraio 2009

Ho trovato un interessante articolo sulla figura del life coaching, figura che sto monitorando da un pò nei vari siti internet che ne trattano a livello di formazione e di inquadramento.

Il life coaching ha dei punti di contatto con la figura del tutor. Se ci pensate nel grand tour la figura dell’istitutore era prestigiosa e i nobili inglesi che venivano in Italia a studare e vi rimanevano tre-quattro anni avevano come istitutori gli intellettuali più conosciuti e rinomati.”

 

“La figura del “life coach” letteralmente “consulente di vita”, entrerà a far parte della nostra quotidianità: si tratta di una figura intermedia tra lo psicoterapeuta e il consulente di carriera. Negli Usa esiste un’università che prepara a questa professione senza contare che 5.000  “life coaches” prestano già il proprio servizio negli Stati Uniti. Anche nel settore sanitario i setvizi acquistano sempre maggiore importanza, perchè salute e welness costituiscono uno dei motori dell’economia. La consapevolezza dell’importanza della salute induce a attribuire più valore anche agli standard di vita e al tempo libero. Si tende pertanto a investire sempre più in prodotti e servizi che contribuiscono a aumentare la salute e il benessere. E’ facile comprendere come il futuro appartenga alle professioni sanitarie, i free times-coaches, i welness trainer, ma anche alle professioni legate all’assistenza in genere”.

Posted in Riconoscimenti, Riflessioni | Leave a Comment »