Tutor online qualificati

Il blog del gruppo Tutor Online Qualificati

Facebook allo stato di oggi

Posted by Luca su 15 febbraio 2009

Sul Venerdì della Repubblica n.1091 del 13 febbraio 2009 è uscito un interessante articolo su Facebook. Quasi tutti gli aspetti che l’articolo tratta sono stati discussi nel blog, utilizzerò pertanto l’articolo per una breve sintesi del fenomeno Facebook:

  • In Italia Facebook è ancora in continua espansione: gli utenti italiani sono passati da 500.000 dell’agosto 2008 a circa 6,5 milioni a fine gennaio 2009.
  • Oltre ai normali utenti ora Facebook sta sempre più attirando politici per le loro campagne elettorali (vedi Barack Obama), artisti, uomini di marketing, scrittori che creano gruppi di lettura e di discussione finalizzati a promuovere le proprie opere.
  • Facebook è un social network, cioè una comunità virtuale su Internet abitata al momento da 160 milioni di persone nel mondo dove si possono fare cose (evvai con le citazioni di Moretti): “faccio cose, incontro persone”, in pratica molti “cazzeggiano” per ore su Facebook;
  • Il 23 gennaio è partito un reality show su Facebook ideato da una ragazza fiorentina, Janet Pitarresi (3000 al momento gli iscritti).
  • Un film italiano sta per essere prodotto su Facebook, il nome dovrebbe essere “Facebum”, uscire a aprile e avere nel cast Pietro Taricone e Sabrina Guzzanti.
  • Facebook è un programma/ambiente proprietario quando vi si accede si firmano delle condizioni di accesso molto spesso neppure lette e notate bene che firmate “l’autorizzazione irrevocabile, perpetua, non esclusiva, trasferibile, totalmente acquistata e valida in tutto il mondo ad utilizzare, copiare, eseguire ed esporre in pubblico, riformattare, tradurre. estrarre integralmente o parzialmente e distrubuire i contenuti dell’utente per qualsiasi scopo commerciale, pubblicitario o di altra natura”.
  • Il successo di Facebook è connesso con l’amico-dipendenza, in pìù è un “efficace antitodo alla noia e alla solitudine, oltre che un potente stimolo al narcisimo. Far parte di una comunità è moltiplicatore di felicità, garantiscono numerosi studi”.
  • Su Facebook rifiutare richieste di amicizia sembra scortese: così hai tra gli amici persone che nella vita reale neppure saluti.
  • Facebook è sempre piùn censurato negli uffici: l’impiegato italico piuttosto che lavorare scrive sul suo stato “non sto facendo una mazza”, o ” me piace solo de magnà e beve”. Attenzione qualcuno è stato licenziato e in ogni caso ” resterà scolpito sul web nei secoli dei secoli, amen”.
  • I pentiti di Facebook crescono come gli iscritti: le motivazioni sono la distrazione della connessione, il doversi impegnare su qualcosa di produttivo, la dipendenza dall’ambiente. Già il gergo utilizzato per dire che si esce da Facebook dovrebbe far pensare e riflettere: ci si suicida da Facebook, come dice lo scrittore Niccolò Ammaniti uscito dopo due mesi.
  • Su Facebook vivono oltre 6 milioni di gruppi: chiunque può crearne uno in pochi minuti. Esistono gruppi tematici, gruppi che si impegnano nel sociale e poi gruppi da evitare perchè fondati da “mentecatti” come per esempio quelli a favore dello stupro. La maggior parte dei gruppi su Facebook sono comunque goliardici.
  • Facebook è il regno dei test e delle applicazioni: c’è un test per ogni cosa e per ogni aspetto. All’inizio può anche essere piacevole rispondere a questi test, dopo un pò l’utente medio li ignora alla grande.
Annunci

3 Risposte to “Facebook allo stato di oggi”

  1. quà imparo sempre qualcosa
    ed è bello il fatto che cè sempre da imparare
    per sapere tutto, purtroppo, non basta una vita
    grazie, a te

  2. Luca said

    Ciao Irish,
    a me piace scrivere in questo blog, ma soprattuto mi piace rispondere ai commenti e ai post. E poi leggo sempre il tuo blog e trovo ogni volta cose interessanti, molto interessanti.

  3. romaguido said

    Grazie, Irish,
    il tuo modo di porti, il tuo garbo, la tua discrezione fanno di te un’ospite graditissima; inevitabile il paragone con chi si comporta come se, invitato a pranzo, di sdraiasse letteralmente sulla tavola imbandita, sgomitamdo impunemente per farsi spazio tra i commensali.
    Siamo sempre molto felici di averti con noi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: