Tutor online qualificati

Il blog del gruppo Tutor Online Qualificati

Riforma scolastica: le nozze coi fichi secchi

Posted by romaguido su 26 dicembre 2008

Fare una riforma scolastica a partire dai tagli alle finanze equivale a fare nozze coi fichi secchi. Niente arrosto, quindi, solo fumo. E l’odore di bruciato lo lasciava ampiamente supporre sin dall’inizio.

Troppi i nodi da sciogliere, anche a livello legislativo (non dimentichiamo che la riforma Moratti è legge dello Stato e che quindi deve considerarsi a tutt’oggi in attesa di attuazione), troppe le variabili da considerare, troppe le tematiche da prendere in considerazione per rendere la scuola produttiva, efficiente, efficace. Pretendere di riformare in quattro e quattrotto è stata un’idea avventata, talmente insana che tutti i cittadini, anche quelli non direttamente interessati, se ne sono immediatamente resi conto.  

Nè è pensabile che il tempo previsto per la sistemazione degli indirizzi nella scuola superiore possa essere considerato un alibi sufficiente.

Apprezziamo l’idea della istituzione di una commissione di esperti che è stata incaricata di esprimere un parere sulle riforme più urgenti da attuare, ma ricordiamo che, nell’ambito della stessa, pareri discordi sull’integrazione dei soggetti diversamente abili hanno portato alle dimissioni di due membri (Dario Ianes e Andrea Canevaro) che difendevano i diritti degli allievi più svantaggiati  e delle loro famiglie. La relazione degli esperti, ancora segreta nelle sue linee programmatiche, potrebbe dare lumi sulle direttive che il governo potrebbe emanare nei prossimi mesi, ma sembra che il MIUR non abbia alcuna intenzione di divulgare le linee programmatiche indicate.

A conti fatti, ci sembra che la situazione sia quasi al punto di partenza.

Aspetteremo ancora una decisione definitiva, improrogabile e insindacabile prima di chiedere, suggerire, consigliare, comprendere?

Annunci

2 Risposte to “Riforma scolastica: le nozze coi fichi secchi”

  1. Luca said

    Rosamaria usa il singolare non il plurale. Che fai ora fai anche l’interprete di cosa apprezziamo?

  2. romaguido said

    https://tutoronlinequalificati.wordpress.com/2008/10/10/petizione-al-presidente-della-repubblica/#comment-527

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: