Tutor online qualificati

Il blog del gruppo Tutor Online Qualificati

Archive for 2 novembre 2008

F-Blog: il falso blog che fa vendere alle aziende

Posted by Luca su 2 novembre 2008

In rete si trovano sempre di più dei finti blog aperti da aziende per poi reclamizzare loro prodotti o la propria filosofia aziendale. Ma questi blog sono veri blog? Un blogger può influenzare con il proprio pensiero l’opinione dei suoi lettori e tutto questo va bene per un blogger indipendente, ma un blog aperto da un’azienda ha lo scopo di portare avanti nel migliore dei modi la filosofia aziendale. Non ci sono problemi se il blog dichiara di essere emanazione di una realtà aziendale, ma se non lo fa e si propone come blog indipendente, come blog di opinioni quando invece è organo di informazione aziendale la cosa è ben differente Leggi il seguito di questo post »

Posted in Il Web sociale | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Faccia da facebook: è vero siamo un branco di pecore

Posted by Luca su 2 novembre 2008

Ho trovato sul blog di Caterina un video che spiega tutto di Facebook, lo spiega al di là di tante chiacchiere e approndimenti pseudo sociologici.

Ve lo consiglio.

Posted in Il Web sociale, Psicologia & Salute | Contrassegnato da tag: | 23 Comments »

Il gioco: le elezioni presidenziali USA

Posted by Luca su 2 novembre 2008

Cosa ci vuole per preparare la campagna elettororale pe la presidenza USA? Un gioco te lo spiega facendoti sperimentare le diverse fasi e attività della stessa. Il videogame Campaign Rush, lanciato on line dalla Cnn, permette di gestire volontari, facendolo loro spedire fax o mail, fare fotocopie, rispondere al telefono, tenere d’occhio i sondagg elettorali. Il gioco è stato prodotto dalla Persuasive Games, specializzata in videogiochi a sfondo politico commissionati spesso da associazioni sociali e/o politiche.

Posted in Strumenti Web 2.0 | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Fare carriera: consigli per l’uso

Posted by Luca su 2 novembre 2008

E’ uscito in questi giorni un libro utile e interessante: “Comandare e fottere” scritto da Pier Luigi Celli ex direttore generale della RAI e manager di successo in diverse aziende. Fottere è inteso nel senso di sopraffare gli altri,  i colleghi di lavoro. Le cose dette nel libro sono tutte vere e danno un quadro molto più realistico all’importanza dello studio e del formarsi, argomenti che in questo blog sono stati trattati sotto diverse ottiche.

“Per mantenersi sulla poltrona di capo bisogna essere dei gran bastardi e per arrivarci pure: si deve usare l’arte del servilismo, della seduzione, della finzione e del tradimento”.

Il perfetto capo conosce a memoria Machiavelli.

Per fare carriera o sei figlio di (vedi in questi giorni le dinastie parentopoli scoperte in alcune università italiane) o sai attaccarti alla cordata giusta.

Il libro mi ha fatto capire il perchè della mia carriera stagnante.  Ecco alcuni punti illuminanti:

  • Non si fa carriera con il merito. Secondo Celli il merito non è quasi mai il criterio determinante. E’ quindi inutile dimostrare di essere bravi: è un esercizio che fa perdere solo tempo.
  • Cercate di capire chi tra i vari capi è quello che ha più possibilità di essere vincente e accasatevi. Questa strategia sta a dimostrare il vostro talento e versatilità.
  • Una volta entrati nel giro, non sgomitate. Ci sarà chi vi ammira, chi vi usa, e inevitabilmente, chi vi detesta. Un basso profilo, la capacità di lavorare e servire nell’ombra vi faranno ben valutare da chi ha buoni occhi per intuire quelli che verranno utili nel tempo.  Una mediocrità costante, in azienda, garantisce più dei colpi a effetto. I mediocri (o finti tali) sono preziosi: non danno problemi di affidabilità, dove li metti stanno e, sopratutto, non discutono.

La lettura di questi suggerimenti è stata illuminante, ho capito le ragioni della mia non carriera. Il merito non viene valutato, la formazione non porta a niente. Nessuno che ha fatto veramene carriera è stato uno studente diligente e preparato. Pensiamo a queste cose quando discutiamo di scuola e di Riforma scolastica? Nei discorsi politici la scuola e il merito diventano la base su cui puntare. La formazione la strada maestra, la life long learning la via da seguire. Io ho invece appurato su di me che la formazione non serve a niente in un mercato del lavoro come quello italiano appiattito verso il basso.

Posted in Editoria, Riforme | Contrassegnato da tag: | 13 Comments »