Tutor online qualificati

Il blog del gruppo Tutor Online Qualificati

Il nativo digitale, il precario e il bamboccione

Posted by Luca su 21 ottobre 2008

Tranquilli non è la rivisitazione del film Il bello il brutto e il cattivo del grande regista e maestro Sergio Leone.

È più modestamente una mia rilettura della figura del nativo digitale

I nativi digitali non crescono sugli alberi e non sono spuntanti all’improvviso come in qualche mito greco. Il termine fotografa solo un aspetto della loro vita, quello che riguarda il vivere le nuove tecnologie informatiche o l’essere nativi digitali si riflette anche sul modo generale di vivere e di affrontare la quotidianità?

Non possiamo accettare l’idea del nativo digitale come chiuso alla vita e interessato alle sole tecnologie informatiche. Mi ha interessato l’intervento di Derrick de Kerkove nel convegno su Second Life tenutosi presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre secondo cui le nuove tecnologie informatiche della comunicazione attiverebbero parti del cervello in modo maggiormente intenso rispetto alla didattica di tipo tradizionale.

Come si inquadrano i nativi digitali nel categoria dei bamboccioni inventata dal Ministro Padoa Schioppa? I nativi digitali sono dei bamboccioni o sono dei precari destinati a un futuro lavorativo sempre più precario?

Ecco sono dei precari/bamboccioni. Non male come quadro e come rappresentazione. Sono delle persone che difficilmente troveranno un posto di lavoro fisso per tutta la vita. Certo salvo i miracolati che “vincendo” un concorso nella P.A. si mettono al riparo da ogni rischio di fallimento dell’azienda o di licenziamento. Il nativo digitale-bamboccione-precario se entra nel mondo del lavoro lo fa con contratti atipici, poco garantiti. Se la si vede bene questa vicenda la si chiama flessibilità, se la si vede male precarietà, instabilità, rischio. Il nativo digitale entra nel mondo del lavoro come stagista perpetuo, poi viene promosso a “cococo”, se va bene viene assunto a tempo determinato, tempo determinato che però non sembra avere mai fine.

In questo senso leggo con favore la metafora della “Generazione Tuareg” proposta da Francesco Delzio (direttore affari istituzionali del Gruppo Piaggio): “cadute le ideologie, venute meno le sezioni dei partiti e i luoghi di aggregazione, i giovani si trovano come nel deserto, avendo oltretutto sviluppato una personalità solistica che li fa oscillare tra Narciso e Peter Pan”. Questa metafora della generazione tuareg mi ha fatto tornare in mente uno scritto di Lorenzo Cherubini (in arte Jovanotti) che parlava dello sguardo tuareg. Lo sguardo tuareg è quello dei popoli che vedono lontano, che vedono oltre l’orizzonte, oltre la superficialità delle cose. In questo senso lo scritto di Jovanotti era utilizzato in un corso universitario di pedagogia interculturale come metafora dell’andare oltre l’integrazione e verso la società multiculturale.

Generazione Tuareg e Sguardo Tuareg però in questo senso mi sembrano evidenziare due aspetti diversi. Il nativo digitale ha uno sguardo tuareg? O invece il suo sguardo è specialistico e forse anche troppo disincatanto?

Annunci

2 Risposte to “Il nativo digitale, il precario e il bamboccione”

  1. Ciao Luca, non conoscevo la metafora della “Generazione Tuareg”. Interessante. Nativi digitali, bamboccioni, precari, Generazione persa nel deserto (ma anche la Generazione X vagava per il deserto). Mi prendo una pausa di riflessione…

    Stavo leggendo proprio oggi che Diana e James Oblinger (2004), in Educating the Net Generation, affermano che gli apprendenti di oggi sono differenti. Secondo loro, le principali caratteristiche della Net Generation sono: avere competenze digitali, essere costantemente connessi, essere sociali, essere impegnati, essere visuali.

  2. romaguido said

    Bravo Luca,
    in pochi tratti sei riuscito a delineare la fisionomia del giovane d’oggi, che Giuliana integra a meraviglia con la citazione di Diana e James Oblinger.
    Riprendendo i vari termini da voi citati, vediamo che se nativo digitale, sociale, impegnato, hanno, per lo più, una valenza positiva, per contro Narciso, Peter Pan, bamboccione, precario, indicano una situazione tutt’altro che edificante; a questo punto Delzio sembra dare il colpo di grazia, paragonando i nostri giovani al popolo dei Tuareg, in quanto “costretti a vagare in un mare senz’acqua come i nomadi del deserto, privi delle bussole che avevano guidato padri e nonni”.
    Ecco, questa è un’immagine che mi piace molto perché non le attribuisco affatto la valenza negativa che Delzio vuole darle. Soli nel deserto, privi dell’acqua e di una bussola, i Tuareg riescono a resistere ai nemici, alle belve, alle forze della natura e si orientano a meraviglia grazie a uno sguardo che permette loro di vedere ciò che gli altri non riescono a percepire, di trovare una soluzione prodigiosamente compatibile con la vita laddove i più soccomberebbero miseramente.

    Ebbene si, anche questa volta sono fiduciosa; se è vero che la necessità aguzza l’ingegno, sono certa che da questa penosa situazione socio-economica i nostri giovani usciranno vittoriosi, riuscendo a valorizzare, potenziare, capitalizzare, la fantasia, la creatività, l’ingegno, lo spirito d’iniziativa e l’imprenditorialità.
    Gia, perché in fondo è vera la famosa citazione del film “Il terzo uomo”: “In Italia sotto i Borgia, per trent’anni, hanno avuto assassinii, guerre, terrore e massacri, ma hanno prodotto Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera hanno avuto amore fraterno, cinquecento anni di pace e democrazia, e che cos’hanno prodotto? Gli orologi a cucù”. Ebbene, se le radici degli attuali bamboccioni si possono far risalire ai tempi “boom economico”, da questa nuova crisi potremo finalmente veder risorgere, in tutto il suo splendore, il genio italiano che tutto il mondo ci invidia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: